Gastrite: come ridurre i disturbi e vivere meglio

26/11/2021

Il cambio di stagione non è sempre portatore di novità positive per il nostro benessere. Esso infatti porta con sé una serie di sintomi, quali stanchezza, affaticamento, sonnolenza, irritabilità, disturbi gastrici e malessere generale.

Quali sono le cause del mal di stomaco e della gastrite?

Le ragioni per cui ciò accade possono essere molteplici: alcuni studi suggeriscono che all’avanzare delle stagioni più calde o fredde, il nostro organismo è programmato in modo da riorganizzare i suoi sistemi chimici e ormonali per meglio adattarsi ai cambiamenti climatici in corso e quindi per ottimizzare in questo modo le sue riserve energetiche. Per esempio, è stato dimostrato che la maggiore esposizione alla luce modifica i livelli di produzione di melatonina, un ormone che regola il ritmo sonno-veglia per questo motivo più ore di luce e meno ore di sono possono determinare disagio per chi non è abituato a uno stile di vita attivo e dinamico così come l’esposizione a temperature più basse porta a innalzare la funzione tiroidea.

Spesso il cambio di stagione può acutizzare il mal di stomaco o addirittura provocarlo. Come mai?

Come accennato in precedenza, il passaggio dall’inverno alla primavera provoca nel nostro corpo la secrezione di diversi ormoni tra cui il cortisolo, causa di un aumento della produzione di acido cloridrico nello stomaco, di conseguenza una maggiore acidità di stomaco, di reflusso gastroesofageo e di gastrite.

Mal di stomaco: chi lo accusa?

  • Chi è stressato e quindi ha una flora batterica alterata
  • Chi assume FANS e cortisonici;
  • Chi ha problemi di motilità gastrica;
  • Chi beve troppo alcool e bevande gassate e quindi ha una mucosa gastrica irritata.

Consigli per combattere il mal di stomaco

Il consiglio che noi di Farmacie Rossetti vogliamo dare è sicuramente quello di tenere sotto controllo l’alimentazione evitando cibi che vanno a sollecitare i succhi gastrici come latte e latticini, cioccolato, pomodori, caffè ecc. Raccomandiamo, poi, di fare ogni giorno dopo i pasti almeno un’ora di camminata, per chi assume inibitori di pompa protonica e protettori gastrici è necessario associare enzimi digestivi che favoriscono una digestione fisiologica e fermenti lattici per equilibrare la flora batterica intestinale.

Non dimentichiamo infine le proprietà antinfiammatorie, lenitive e riparatrici di tutto l'apparato gastrointestinale che ci fornisce un rimedio tanto naturale quanto efficace quale è l'aloe.